L’anno 2016 del calcio professionistico italiano ed europeo non si poteva non chiudere con le prodezze decisive di un portiere e che portiere!

Un giovane estremo difensore, un vero predestinato che da qualche anno sta facendo entusiasmare gli appassionati di calcio con le sue prodezze decisive sia in ambito Azzurro che col suo Milan: è Gigio Donnarumma il vero grande protagonista della finalissima di Supercoppa Italiana che questa sera a Doha grazie soprattutto alle sue prodezze è stata consegnata al Milan dopo la vittoria ai rigori 5-4 (1-1 dopo i supplementari) contro la Juventus di Gigi Buffon.

Infatti per una serata i veri protagonisti sono stati i portieri Gigi e Gigio per gli amici con il secondo che è stato il più decisivo dei due in quando ha compiuto la parata più importante della serata che ha consegnato il 29mo trofeo al Milan dell’era Berlusconi.

Ma per Gigio e compagni il match inizia in salita quando al 17′ Gigio si supera respingendo in angolo un tiro ravvicinato di Sturaro ma non potrà nulla nell’azione successiva del corner di Pjanic con la spizzata di Chiellini che termina in rete portando i bianconeri in vantaggio.

Il vantaggio di Buffon e compagni però durerà poco solo una ventina di minuti. Infatti al 38′ per il Milan pareggia di testa Giacomo Bonaventura, nulla da fare per l’incolpevole Gigi Buffon.

Anche nella ripresa è la Juventus a prendere il pallino in mano del gioco ma la prima azione spetta ai rossoneri quando al 57′ un colpo di testa di Alessio Romagnoli si stampa sulla traversa con Buffon e compagni che devono ringraziare il palo: Milan davvero sfortunato nell’occasione.

Al 6o’ il giovane Gigio Donnarumma sarà decisivo e salverà per la prima volta dal raddoppio bianconero la porta del Milan: infatti con una miracolosa deviazione con la mano di richiamo respingerà in angolo una pericolosa conclusione dal limite di Sami Khedira negando a Buffon e compagni il vantaggio.

Lo stesso Gigi Buffon risponderà a Gigio all’83’ respingendo in angolo un colpo di testa ravvicinato di Carlos Bacca negando a Gigio e compagni il vantaggio.

E’ una partita a scacchi tra i due portieri Azzurri ma i tempi regolamentari ed i futuri supplementari si chiuderanno sull’1-1 e saranno decisivi i rigori per decidere le sorti del match ed assegnare il titolo che sarà consegnato in base alla prodezza decisiva di uno dei due portieri della Nazionale: come ben sappiamo toccherà a Gigio rispetto a Gigi compiere la prodezza decisiva tanto da realizzare ancora una volta il detto: “l’allievo supera il maestro”.

Ma andiamo in ordine nel commento della serie dei rigori. Batte per prima la Juventus con Marchisio che realizza; il primo rigorista del Milan è Lapadula che calcia centrale facendosi respingere il rigore da Buffon. Ma la prodezza dell’estremo difensore bianconero non sarà decisiva per colpa dell’errore dal dischetto del croato Mandzukic nel rigore successivo, mentre Bonaventura trasforma e pareggia per il Milan… Nei successivi tiri dagli undici metri realizzano nell’ordine Higuain, Kucka, Khedira e Suso. E dobbiamo attendere il decisivo quinto rigore per entrambe le squadre per decidere chi tra Milan e Juventus vincerà la Supercoppa: sarà Gigio Donnarumma a consegna al Milan la coppa o sarà Buffon a darlo alla Juventus? Vediamo.

La lista dei rigoristi ha voluto tra l’altro che nell’ultimo rigore della Juventus si trovassero i due protagonisti tra più attesi della serata, i due ragazzi prodigio di questo periodo calcistico ovvero il bianconero Paulo Dybala e Gigio Donnarumma? Chi avrà avuto la meglio in questa occasione? Naturalmente il giovane portiere italiano con una vera e propria prodezza, ancora una volta con una respinta con la mano di richiamo (come visto nel primo tempo nei confronti di Khedira) che nega il gol al tiro preciso di sinistro di Dybala che non può far e dir nulla di fronte a questa eccezionale parata… E questa prodezza sintetizza tutta la partita e tutta la serata dove il vero protagonista è stato Gigio Donnarumma che aveva di fronte Gigi Buffon che non ha potuto far nulla al rigore di Pasalic che ha consegnato il trofeo della Supercoppa Italiana 2016 al Milan succedendo proprio alla Juventus che lo aveva vinto lo scorso anno.

Grandi meriti di questa vittoria del Milan vanno sicuramente all’estremo giovane difensore Gigio Donnarumma un vero e proprio predestinato per la porta dei rossoneri e della Nazionale Italiana di Calcio, senza le sue parate forze parleremmo di altra partita anche se il Milan nell’arco dei 180 minuti ha giocato gran calcio con una Juventus che non è riuscita ad arginare le mosse di Montella e a battere un Gigio in grande forma.

Nonostante la sua grande serata Gigio Donnarumma è restato tanto incredulo di fronte alla sua grande serata. Ecco le sue dichiarazioni a fine partita alla Rai: “Ancora non ci credo, è indescrivibile, provo una gioia immensa. Abbiamo giocato alla pari con loro. E’ un piacere vincere con tanti italiani in campo ma anche con Bacca e Pasalic. Vittoria cercata è frutto del grande lavoro: il mister ci ha dato qualcosa in più, lo seguiamo e lo ringraziamo per tutto ciò. Dedichiamo il trofeo al presidente Berlusconi”.

Come chiudere al meglio un anno di calcio con una partita che ha visto protagonisti i due portieri principali della Nazionale e soprattutto con la grande prestazione del secondo, il più giovane, Gigio, che si rivela il portiere predestinato non solo per il Milan ma anche per la maglia Azzurra.

Cosa chiedere di più alla fine del 2016 ai nostri due portieri simbolo Gigio e Gigi ma anche a tutti gli altri che costituiscono tutto il movimento portieristico italiano e non? In queste ultimi giorni di 2016 bisogna solo porli i migliori e sinceri auguri (da estendere anche ai nostri lettori) di un sereno Natale e un 2017 ricco di successi e soprattutto per gli uomini che indossano i guanti e che difendono le porte delle loro squadre e delle Nazionali un nuovo anno ricco di  parate e di voli.

Ancora tanti auguri a tutti di pace e arrivederci al prossimo anno.

Annunci